All’Hotel Diana di Roma la premiazione del concorso letterario ideato con l’Associazione culturale “I Percorsi delle Muse”

Oltre cento elaborati, tra poesie e racconti, partecipanti da tutta Italia, inclusi giovani di scuole medie, giuria di qualità, scenografia naturale di una terrazza con vista su Roma: questi gli ingredienti della prima edizione del concorso letterario “I Colori delle Parole”, che si è svolta sabato 5 ottobre all’Hotel Diana di Roma, in via Principe Amedeo. Il concorso, ideato dal poeta Alessandro Ristori, con l’Associazione culturale “I Percorsi delle Muse” e coordinato da Antonella d’Angelo, ha avuto un grande richiamo impegnando i giurati in una selezione di opere meritevoli, realizzate con stili e professionalità diverse, abilità, competenze ed estro creativo.

“Siamo particolarmente onorati di ospitare una rassegna culturale che ha superato le aspettative di partecipazione” – ha dichiarato Caterina De Angelis, responsabile degli eventi speciali dell’Hotel Diana e fautrice dell’iniziativa. Il nostro albergo di famiglia con il Roof garden l’Uliveto vuole essere un punto di riferimento per attività culturali che possono andare di pari passo con l’ospitalità.” L’Hotel Diana, infatti, ha inaugurato quest’anno anche le “Passeggiate nella Roma Capitale”, curate sempre dall’Associazione culturale “I Percorsi delle Muse”, un percorso insolito alla scoperta di Roma fra tradizione e rinnovamento in luoghi e siti artistici vicini all’Hotel Diana di Roma, non solo in senso geografico, ma anche storico e tematico.

Le visite riprendono dopo la pausa estiva: domenica 13 ottobre a via Veneto con i suoi grandi alberghi nati sul sito di Villa Ludovisi con particolare riferimento all'Hotel Ambasciatori di Piacentini; sabato 9 novembre a piazza del Popolo, via del Babuino con l'Hotel de Russie e il suo giardino segreto, fino allo studio del Canova e del suo allievo prediletto Tadolini; sabato 7 dicembre la chiesa di Saint Paul con i mosaici di Edward Bune-Jones. Il programma si inserisce nell’ambito dei festeggiamenti per gli 80 anni dell’Hotel Diana di Roma, che deve la sua storia alla lungimiranza del suo fondatore, Benedetto De Angelis, noto anche per aver portato per primo i turisti con il “torpedone” in giro per la città e in gite fuori porta fino a spingersi a Pompei, Sorrento e Capri, meritando la cittadinanza onoraria di Sorrento.

Un hotel di una volta, accogliente e discreto, con uno splendido Roof

Ogni volta che si entra all’Hotel Diana, proprio alle spalle del Teatro dell’Opera e di Piazza della Repubblica, la prima impressione è tranquillità e accoglienza, eppure siamo nel centro nevralgico della Capitale. L’Hotel Diana di Roma è infatti una location davvero perfetta per un soggiorno leisure e per occasioni aziendali, elegante e centralissima per un meeting nel massimo comfort grazie ad una zona congressi ampia e modernamente attrezzata, fornita di 4 sale riunioni in luce naturale con una capienza massima di 80 posti a platea. Punto di forza la splendida vista sui tetti di Roma, che arricchisce di luce ed emozioni qualsiasi attività, fino ad arrivare al settimo piano con uno spettacolare Roof Garden, una vera chicca nel verde. La terrazza, che si snoda su diversi ambienti, regala davvero un angolo inaspettato di tranquillità e riservatezza, incorniciata dal verde delle piante di ulivo e dal profumo dei limoni, da non perdere per una colazione con una vista, per un piacevole lunch di affari o per una romantica cena godendosi un panorama della Città a 360°. Ad un passo da via Nazionale, dalla Stazione Termini e dalla Basilica di Santa Maria Maggiore è anche una location ideale per muoversi a piedi verso il centro storico di roma Antica. Prossimo progetto: la realizzazione di una spa con percorsi di frigidarium, calidarium, bagno turco, piscina idromassaggio e cabine per massaggi rilassanti.

C.C. © Foto-Review.it